Tutti gli articoli con etichetta: Piatti per feste e banchetti

Perfetti per essere serviti quando gli ospiti sono più di 8/10 o per un buffet.

Il Risotto con Vino Rosso e Rosmarino (e Cipolla Caramellata)

   Come ho scritto postando questa foto su Instagram, questa ricetta (alla quale sono molto affezionata) è nata per caso. Ero in montagna con i miei amici, qualcosa come una decina di anni fa, ed era l’ultimo giorno della settimana bianca. Una settimana in cui, più che sciare, avevamo fatto ballate, bevute e giochi scemi. Ed era l’ultimo pranzo prima di partire. Il frigorifero praticamente vuoto, un pacchetto di riso, una cipolla, una bottiglia di vino rosso (che nessuno aveva lo stomaco per finire) e una piantina di rosmarino sul balcone. Ho così improvvisato questo risotto, che sarà per la nostalgia che iniziava a salire, sarà perché eravamo tutti insieme, ma quel risotto è piaciuto a tutti e la sua ricetta è sopravvissuta negli anni. Mi sono solo permessa qualche finezza, per esempio la cipolla caramellata, in grado di trasformare un piatto di avanzi, in un primo per gli ospiti più esclusivi.. Per 4 porzioni 320 gr di riso Carnaroli (80 gr a testa) + 1 pugno extra “per la pentola” Una cipolla di medie …

La Bagnacauda di Nonno Umberto

  È da tanto, tantissimo tempo, che non scrivo una ricetta. Sto battendo la fiacca, lo ammetto, ma tutto ciò è dovuto al fatto che ho quasi finito di sistemare una nuova casa e, soprattutto, una nuova meravigliosa cucina! Per fortuna, ho conosciuto gli amici di Verdure di Stagione, che mi hanno invitato a partecipare con una ricetta al loro bellissimo blog (leggetelo, salvatelo tra i preferiti e sfoderatelo al reparto verdura del supermercato!) a base di verdure invernali. Tutto questo proprio quando avevo in programma di preparare una ricetta alla quale sono molto affezionata: la Bagnacauda di Nonno Umberto. La bagnacauda è un piatto tipico piemontese, non è semplicemente una salsa o un condimento. Con tante verdure e un po’ di polenta, diventa tranquillamente un ottimo piatto unico, ideale per riunirsi intorno a un tavolo e fare festa, soprattutto con del buon vino rosso… Negli anni, questo piatto è rientrato a tutti gli effetti nella top ten delle ricette di famiglia, quelle che si tramandano da padre in figlio. C’è ancora il foglio con …

Couscous con Verdure e Feta

  Il dramma delle pause pranzo estive è che dopo un’ora che torni al lavoro, ti mangeresti anche un cinghiale intero, sfanculando l’imminente prova costume. Questo couscous, invece, vi sazia, vi fa mangiare le verdure (che fanno taaaanto bene) e può essere preparato anche il giorno prima. Inoltre, è perfetto da proporre alle amiche, senza sensi di colpa. Io utilizzo il couscous a cottura rapida, non vogliatemene. Oppure vogliatemi bene.. Per 2 porzioni Un bicchiere di couscous a cottura rapida Un bicchiere d’acqua 4 fette di zucchina grigliate 4 fette di melanzane grigliate 10-15 pomodori ciliegino o datterino Qualche cubetto di feta Sale fino Pepe nero da macinare Olio extravergine di oliva Preparazione In un pentolino, portate a ebollizione il mezzo bicchiere d’acqua con un pizzico di sale. Versate il couscous crudo in una zuppiera capiente o in una pentola, unite un cucchiaio d’olio e mescolate bene con una forchetta, sgranando bene i chicchi dell’impasto. Aggiungete l’acqua bollente, mescolate velocemente e lasciate cuocere ben coperti per 5 minuti (seguite comunque le indicazioni sulla scatola di …

La Torta Malefica

    Malefica è la cattiva per eccellenza: bella, ironica e molto molto incazzata. Diciamocelo: Aurora, le fatine svolazzanti e il principe, tutti abbastanza rincoglioniti in verità,  non sarebbero andati molto lontano senza di lei. È per lei che La Bella Addormentata nel Bosco rimane il mio cartone animato preferito. È merito suo se l’ho guardato così tante volte da dire più spesso “cucno” che “cucchiaino” (per gli inconsapevoli: qui, al minuto 1:50). Ma, soprattutto, sono le sue espressioni fintamente imbarazzate o la sua meravigliosa collera, che l’hanno resa assolutamente degna di un film tutto suo, con, nientepopodimeno che, la figherrima Angelina Jolie. Malefica è il prototipo della femmina elegante e vendicativa. Per questo, ho deciso di dedicarle un dolce. Un base morbida al cioccolato, perché è circondata da “cretini, idioti e imbecilli” e ci vuole qualcosa che le tiri su il morale, arricchita con mirtilli freschi, perché anche lei è un po’ selvatica, ma con un tocco amarognolo di lime candito, per non essere troppo stucchevoli. Poi, lo sappiamo, viola e verde acido sono …

Chips di Carote

     Queste chips sono un modo alternativo per gustare le carote e il loro gusto è davvero sorprendente, ma premetto subito che questa ricetta non mi ha dato le soddisfazioni sperate, più che altro perché ho affettato 4 carote e mi sono trovata un sacchettino di chips. Ultimamente, il mio forno fa un po’ le bizze, è vero… ma non credo sia dovuto solo a quello! Di certo è una ricetta da provare se avete già il forno acceso e un mazzetto di carote in frigorifero che vi guarda implorandovi di mangiarle. E può essere un modo alternativo di presentare la verdura a chi trova sempre il modo di camuffarla, come la sottoscritta e più o meno tutti i bambini del mondo. Sarei curiosa di sapere i risultati di qualcun altro, quindi, sperimentate e fatemi sapere!. Per le chips di carote (a seconda di cosa avete in frigorifero) carote grandi olio extravergine di oliva sale fino pepe nero Preparazione Preriscaldate il forno a 140°C, in modalità ventilata. Lavate e pulite le carote, poi tagliatele …

La Pasta alla Gricia

La pasta alla gricia è un grande classico della cucina laziale, nonché uno dei condimenti base da padroneggiare nel caso gli amici decidessero di fermarsi a cena. La gricia è anche conosciuta come l’amatriciana in bianco, anche se può essere considerata quasi la vera amatriciana, avendo origini più antiche rispetto all’arrivo del pomodoro in Europa (per i più curiosi, questo avvenne dopo il 1540). Amatrice è un piccolo centro della provincia di Rieti e capitale mondiale del guanciale, molto simile alla pancetta, ma ottenuto dalla lavorazione della guancia di maiale, più tenera e delicata. Insomma, una vera delizia, purtroppo sconosciuto a molti. La gricia è quindi una ricetta antica, nata dalla sapienza dei pastori (che, porca miseria, se ne sanno!), sconsigliata dai dietologi, ma in grado di conquistare qualsiasi palato al primo assaggio.. Per 2 persone 160 gr di pasta (meglio se artigianale) 1 fettina di guanciale di Amatrice, alta circa mezzo centimetro 4 cucchiai di pecorino stagionato grattuggiato (meglio di Amatrice, ma state anche su un romano DOP) Abbondante pepe nero da macinare Sale …

Cremina di asparagi alla birra

Avete preparato gli asparagi marinati (come suggerisco qui) o un altra ricetta che prevedeva l’uso di queste verdurine, ma vi accorgete che avete un sacco di scarti che meritano certo una seconda possibilità? Ecco il rimedio.. Per 4 porzioni Gli scarti più duri di un mazzetto di asparagi (salvo la parte bianca finale) 100 gr di robiola o di altro formaggio fresco cremoso 1/2 bicchiere di birra 1 pezzettino di burro Sale fino Pepe nero da macinare Preparazione Affettate gli asparagi in rondelle sottilissime. Sciogliete il burro in un pentolino e fateli insaporire per un paio di minuti a fiamma bassa. Salate e aggiungete in mezzo bicchiere di birra. Lasciate cuocere, sempre a fiamma bassa, fino a che gli asparagi non saranno teneri (circa 10 minuti), coprendo con un coperchio. Ora alzate la fiamma e fate evaporare il liquido, mescolando di frequente. Tenete da parte e lasciate intiepidire. Mescolate gli asparagi cotti al formaggio morbido, aggiustate di pepe e usate questa salsina come accompagnamento a un piatto di carne cruda tipo tartare, carpaccio o tagliata …

Spiedini alla Siciliana

  Preparare a mio papà un piatto che contenga carne è sempre un incubo, ma con questi non ho ricevuto lamentele da parte sua. Gli spiedini o involtini alla siciliana sono un secondo un po’ sfizioso, ideale anche per una grigliata con gli amici, per ravvivare un po’ il solito trio “salamella-puntina-braciola” che, per carità, amo moltissimo, ma rischia di essere un po’ banale, soprattutto se volete fare un po’ di scena. Direi che in vista di Pasquetta e dei prossimi meravigliosi weekend lunghi che ci aspettano, potete addirittura osare!. Per 2 spiedini 6 fettine di fesa di vitello o manzo tagliata sottile 50 gr di pane secco grattuggiato 50 gr di caciocavallo Mezza cipolla rossa di Tropea abbastanza grossa 1 cucchiaio di uva sultanina 1 cucchiaio di pinoli 4 foglie di alloro Sale fino Pepe nero da macinare Olio Extravergine di Oliva Preparazione Mettete a bagno l’uvetta in una tazza d’acqua tiepida. Tagliate la mezza cipolla ancora a metà: un quarto lo terrete da parte per la cottura, mentre tritate l’altro, molto finemente. Scaldate …

Schiacciata con Crescenza (di Capra) e Maggiorana

  Per questa ricetta mi sono ispirata ai gözleme turchi, dopo un viaggio a Istanbul e dopo aver ammirato le signore di questo meraviglioso Paese che tiravano l’impasto su enormi taglieri di legno rotondi appoggiati a terra. Così ci ho provato e il risultato non è stato per niente male, anche se ho ribattezzato questo piatto con il nome di schiacciata, soprattutto per evitare le ire di un’intera popolazione nel caso la procedura non corrispondesse all’originale. Anche perché, giuro, lo vorrei tanto un tagliere rotondo così grande! Il bello dei gözleme, pardon!, delle schiacciate, è che puoi farcirli come vuoi. Io ho scelto questo abbinamento che ho trovato molto interessante. Sono adatti a un aperitivo, a una cena informale, come spuntino o come pranzo al sacco.. Per 4 schiacciate 150 gr di farina manitoba (ma se avete la 00 potete anche usare quella!) 80 gr di acqua fredda 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva 1 cucchiaino di sale fino Crescenza di capra a piacere Maggiorana secca a piacere Preparazione In una scodella capiente, mescolate …