Tutti gli articoli con categoria: Viaggi

Taccuino di Viaggio: dove ho mangiato (bene) e dove ho dormito (bene) nel mondo

In questo diario di viaggio troverete i miei luoghi del cuore, divisi per destinazione. Ci sono i posti che amo di più, quelli in cui tornerei volentieri e quelli dove (ovviamente!) vi consiglio di andare. Di alcuni, trovate il link alla mia recensione su TripAdvisor, di altri, be’… fidatevi! Lasciate un commento se avete bisogno di qualche dritta ulteriore. Arona (No) – Italia Arona per me è una seconda casa. Ho cenato praticamente in ogni ristorante del suo territorio, ma questi sono i miei posti del cuore. Hostaria al Vecchio Portico – ristorante 049 Arona – cocktail bar e osteria Barcellona – Spagna Barcellona, odi et amo. Amo la Spagna, ma ho sempre preferito Madrid a Barcellona. Dopo un po’ vorrei scappare, o trovare rifugio in questi posti qui sotto. Casa Gracia – ostello La Boqueria – mercato Conesa – paninoteca gluten free Marina Moncho’s o Marina Bay – ristorante vista mare Calella – Spagna La tappa di un viaggio on the road non fa certo di me un’esperta di Calella, ma se dovete passarci …

Il Tartufo d’Alba

Per il mio compleanno mi sono regalata un profumatissimo weekend! È un caso che io sia nata nel mese… del tartufo? Non credo proprio! Da brava caccatrice di cibo, ho scoperto di più su questo piccolo tesoro e ve lo racconto in questo articolo scritto per Fashion Dupes. http://www.fashiondupes.com/2015/11/un-profumatissimo-weekend-ad-alba.html

Viaggio in Giordania (culinario e non)

La cultura di un popolo spesso passa dal suo stomaco. Da appassionata amante del cibo, questo è senza dubbio uno dei più saldi princìpi che adotto durante i miei viaggi. La Giordania e il suo popolo sono fantasiosi nella loro semplicità, costellata da non così frequenti, ma audaci, eccessi. E così è la loro cucina. Non mi è difficile paragonare l’assortimento dei loro delicati e colorati antipasti a base di verdura all’alternarsi morbido del paesaggio naturale, così come la loro passione per il lemon salt (una specie di sale al limone) e per il tahini (crema di sesamo), adoperati in abbondanza su mega hamburger di agnello cotti al forno, possa ricordare molto il loro stile di guida temerario o il loro tripudio di luminarie e cellulari ultimo modello. Sabbia, ulivi, cespugli e rocce si alternano da nord a sud in infinite combinazioni. Così come pomodori, cetrioli, cipolle e melanzane si mescolano in proporzioni diverse per creare tantissimi piatti. Scopri poi, che kebab può voler dire veramente tante cose, così come non basta dire arabo per …

Orgiaglia – Volterra: “Buongiorno, Toscana!”

Arrivare all’Orgiaglia non è semplicissimo, la strada sterrata sembra non finire, ma quando si arriva si è ripagati dal calore di una famiglia che farà di tutto per metterci a proprio agio. Si cena tutti insieme e ogni sera Franco riserva delle sorprese. Girare la tenuta a piedi, incontrare i cavalli che si spingono fino al cortile, trovare due gattini che aspettano di farvi le fusa e ammirare la stellata stupefacente che la lontananza dalle città vi regala, vale il soggiorno. Ottimo punto di partenza per girare i dintorni in moto (Volterra, Siena, le Terre del Chianti, Bagni San Filippo…). Se non amate la natura, la campagna e la vita all’aria aperta, non fa per voi. Visitato a Agosto 2012 Trovi la recensione di TripAdvisor qui.

Riad Kheirredine – Marrakech: “Un nido meraviglioso”

Ho avuto l’occasione di recarmi a Marrakech a metà novembre e su consiglio di un’amica ho contattato il Riad Kheirredine. Personalmente, ho avuto la fortuna di soggiornare in alcuni degli alberghi più belli del mondo, ma qui, fin dalla prima email, ho capito di avere a che fare con un genere di ospitalità che difficilmente si incontra altrove: dal momento della mia prenotazione, a luglio, al mio arrivo, quattro mesi dopo, Valentina e Yajaira mi hanno seguito passo dopo passo, dandomi consigli preziosi e soprattutto onesti su Marrakech. Grazie a loro ho prenotato un corso di cucina marocchina e una seduta in uno degli hammam più belli della città, esperienze che hanno reso ancora più magico questo viaggio. Una volta atterrati a Marrakech, ci sono venuti a prendere e siamo stati accompagnati al Riad dai ragazzi che vi lavorano. I vicoli di questa città sono un vero e proprio labirinto che può anche inquietare chi non ci è mai stato: non temete! Vi spiegheranno pazientemente la strada più veloce per raggiungere il centro (a circa …

Red Nest Hostel – Valencia: “Giovane e centralissimo”

A due passi da Plaza de la Reina, il Red Nest è un coloratissimo ostello scelto da clientela giovane, ideale anche per stringere amicizie. Anche se abbiamo tutti superato i 25 anni, ammetto che avrei voluto conoscere il Red Nest a 20. Essendo in 6, abbiamo occupato un’intera camerata, con vista su Calle de la Paz. il bagno in comune era pulito regolarmente, così come le stanze. Le ragazze alla reception erano molto gentili e disponibili. La spiaggia si raggiunge in 20 minuti di autobus, mentre il centro in pochi minuti a piedi. Per la colazione, Starbucks è a due metri. Visitato ad Agosto 2013 Trovi la recensione di TripAdvisor qui.  

Casa Gracia – Barcelona: “Che sorpresa!”

Ammetto di non aver mai dormito in un ostello in quasi 30 anni, ma quest’anno abbiamo optato per un viaggio on the road a basso budget e, dopo due giorni a Valencia, Casa Gracia, a due fermate di metro dalla Rambla, in pieno Passeig de Gracia, è stata una piacevole rivelazione: un vecchio palazzo ristrutturato in un quartiere molto chic, con un ascensore retrò, ospita questo ostello, molto curato, colorato, stile Maison du Monde, con molti tocchi originali e ampi spazi in comune, ben tenuti. Le ragazze alla reception sono sempre state disponibili. Le camere che ci hanno ospitato, sia da 3 che da 6 persone, avevano entrambe il bagno con doccia ed erano pulite, una con una grande vetrata che dava sui tetti di Barcellona e sulla terrazza del palazzo, dove al mattino veniva proposta una buona colazione a buffet. Ogni sera veniva organizzata una serata a tema che proponeva diverse specialità spagnole a prezzi bassi (tipo paella+sangria = 9 euro). Non posso valutare la qualità del cibo, ma l’aspetto e il profumo erano …