Storie di cibo
Lascia il tuo commento

La Cheesecake “Terrona”

gluten freevegparty   speedycertified

Ogni tanto le mie lontanissime radici sicule vengono a galla. E soprattutto vengono a galla quando si tratta di inventare un dolce.

Visto che dire “torta di ricotta” a quanto pare sembra particolarmente out, mentre la cheesecake sta letteralmente spopolando, perché non fare la cheesecake “terrona”? Accontenterà i palati più vintage, ma anche quelli più chic.

Questa è l’idea di marketing che mi è balenata cinque minuti prima di creare e battezzare questo dolce, che impiega un’ora a cuocersi, ma solo qualche minuto per la preparazione.

Per convincervi ulteriormente, non vi verrò a raccontare che questa ricetta è consigliata in un regime calorico moderato, ma se avete mai cucinato una vera cheesecake, e quindi ne conoscete gli ingredienti, sapete anche che il senso di colpa vi attaccherà ad ogni morso. Ecco, questa lo farà un po’ meno. E vi toglierà lo sfizio..

Per una tortiera da 24 cm

  • 1 kg di ricotta di latte vaccino
  • 4 uova intere
  • 250 gr di zucchero
  • La scorza grattuggiata di un limone
  • La scorza grattuggiata di un’arancia
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 170 gr di biscotti secchi (tipo Oro Saiwa) o un’alternativa leggera senza glutine
  • 50 gr di burro
  • 1 pizzico di sale fino

Per la guarnizione

  • 50 gr di cioccolato fondente
  • 1 cucchiaio di canditi misti
  • 1 cucchiaio di arancia candita
  • 2-3 cucchiai di pistacchi sgusciati non salati
  • 2 cucchiai di zucchero a velo

Preparazione

Sciogliete il burro a bagnomaria e nel frattempo sbriciolate finemente i biscotti con un pestacarne o con un frullatore. Quando il burro sarà sciolto usatene pochissimo per ungere una tortiera con fondo apribile (basterà spennellarla appena) e il resto mescolatelo ai biscotti sbriciolati.Distribuite il composto di burro e biscotti sul solo fondo della teglia e con l’aiuto di un cucchiaio o dei polpastrelli, appiattite bene il tutto. Coprite e mettete in frigorifero.

Accendete il forno in modalità statica a 180° C.

Mettete tutti gli ingredienti dell’impasto (ricotta, uova, zucchero, scorze grattuggiate, cannella, sale) in un ciotola e sbattete con un frullino fino ad ottenere una crema liscia (in alternativa usate il classico frullatore, purché contenga tutto l’impasto). Ci vorranno un paio di minuti. Ora versate in una pentola capiente e portate ad ebollizione. Lasciate cuocere per 2-3 minuti, poi togliete dal fuoco e lasciate intiepidire una decina di minuti, mescolando di tanto in tanto.

Tirate fuori la base dal frigorifero e versatevi con delicatezza la crema (se lo fate troppo velocemente, e la crema non si è intiepidita abbastanza, la base potrebbe rompersi ed è una cosa a cui non si può porre rimedio, se non ricominciando da capo). Con dei leggeri colpetti sul bordo della tortiera, fate in modo che la crema si livelli.

Infornate per 40 minuti, poi abbassate la temperatura a 160° e proseguite la cottura per altri 20 minuti. Se la superficie della torta tende a scurirsi troppo, proteggetela comprendo la tortiera con un foglio di alluminio o carta forno (non importa anche se il caldo del forno lo farà “svolazzare” un po’).Spegnete il forno e lasciatevi raffreddare lentamente la torta all’interno, tenendo lo sportello leggermente aperto.

Quando la torta si è raffreddata a dovere, toglietela dalla tortiera e impiattatela con delicatezza, poi procedete con la decorazione: spezzettate grossolanamente il cioccolato e i pistacchi e distribuiteli uniformemente sulla torta, insieme alla frutta candita. Ora mescolate lo zucchero a velo con un cucchiaio di acqua molto calda e versatelo velocemente sulla torta, in modo da “ghiacciare” la guarnizione. Se preferite potete aumentare la dose della glassa, per un effetto più spettacolare (ma ovviamente il vostro dolce sarà più… dolce!).

trucchi&segretiQuesta torta è volutamente realizzata in maniera un po’ rustica, se volete un aspetto più elegante, foderate il bordo della tortiera tagliando una stricia di carta forno dell’esatta dimensione e fatela aderire bene, spennellando del burro tra il metallo e la carta: questo farà in modo che il bordo della torta sarà più liscio. Inoltre, potete aumentare la quantità di glassa e lasciarla colare lungo i bordi, ma, come già detto, questo addolcirà ancor di più la preparazione. Se non amate il sapore della cannella, invece, potete utilizzare un cucchiaio di acqua di fiori d’arancio e nulla vi vieta di aggiungere qualche pezzettino di arancio candito all’impasto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *