Storie di cibo
Lascia il tuo commento

Col cavolo!

veggluten free  light certified

Nonostante la zuppa di cavolo sia un piatto un po’ retrò (diciamolo pure, fa un po’ sfigato dire “Mi faccio una zuppa!”, soprattutto a trent’anni), vi posso però assicurare che ha un discreto successo, soprattutto tra le mie amiche, che ormai me la richiedono con mesi di anticipo!

È l’ideale per scaldare una fredda serata invernale, magari dopo un weekend un po’ alticcio (il cavolo è altamente detossinante) e per fare quattro chiacchiere tra un cucchiaio e l’altro.

Prepararla è più semplice di quanto si possa pensare, anche se richiede un po’ di tempo per la cottura, ma praticamente vi lascia anche il tempo per una veloce manicure..

Per 4 porzioni

  • Un cavolo rosso di medie dimensioni
  • Un porro
  • 4 patate di medie dimensioni
  • Una cipolla bionda
  • Una carota
  • 2 cucchiai d’olio o due cubetti di burro (a seconda del vostro grado di “leggerezza”)
  • Sale
  • Pepe nero macinato

Preparazione

Per prima cosa, preparate il brodo: pulite la carota, tagliatela per il lungo e asportate la parte interna (quella che dà il gusto troppo “carotoso” ai vostri piatti), poi tagliatela ancora a metà; pulite la cipolla, togliendo la buccia e asportandone le estremità e tagliatela a metà. Riempite un pentolino con circa 2 litri di acqua, un cucchiaino raso di sale, tuffateci la carota e la cipolla e portate a ebollizione.Nel frattempo, togliete le foglie esterne al porro e tagliate la parte bianca a rondelline sottili sottili. Pelate e lavate le patate sotto l’acqua corrente e tagliatele a cubetti, non troppo grossi, ma nemmeno microscopici. Ora occupiamoci del cavolo: togliete le foglie esterne più rovinate, tagliatelo a metà per il senso della lunghezza e, facendo attenzione a non affettarvi un dito, togliete la parte bianca e dura del ceppo. Tagliatelo a listarelle sottili, per il senso della larghezza, lavatelo bene e strizzatelo (la centrifuga per l’insalata sarà perfetta). In una pentola capiente, ma meglio in una bella pentola di terracotta, scaldate l’olio o il burro. Fate appassire a fuoco basso il porro, coprendo con un coperchio: dovrà essere morbido, ma non troppo colorito. Aggiungete le patate e lasciate insaporire, mescolando. Versate due mestolini di brodo, che a questo punto dovrebbe bollire, e cuocete per 10 minuti, coprendo con il coperchio. Ora aggiungete il cavolo e coprite quasi del tutto con il brodo bollente, mescolando bene. Se il brodo inizia a scarseggiare, aggiungete dell’acqua, così che possiate averlo a disposizione. Coprite con il coperchio e lasciate stracuocere per 30-35 minuti, a fuoco basso.
A questo punto la vostra zuppa dovrebbe avere una consistenza non troppo liquida, nel caso alzate la fiamma e proseguite la cottura mescolando, per aiutare l’evaporazione, oppure, nel caso fosse troppo densa, aggiungere un mestolino o due di brodo. Togliete dal fuoco e frullate tutto con un frullatore a immersione. Assaggiate e aggiustate di sale e pepe (a me piace abbastanza “pepata” ma sono gusti…).

trucchi&segretiVolete un tocco in più? Dopo che avete fatto appassire il porro, toglietene un paio di cucchiai abbondanti e tenetelo da parte. Poco prima di servire la zuppa, scaladate il porro in un pentolino, aggiungedo un cucchiaio d’acqua (o di birra) e un cucchiaio di zucchero di canna. Quando lo sciroppo si inizierà a rapprendere, togliete dal fuoco e usatelo per guarnire la zuppa una volta che l’avrete versata nel piatto (o nelle scodelle, come preferisco io!). Se invece avete avanzato un po’ cavolo e non sapete cosa farne, vi ricordo che è un ortaggio molto resistente e può essere conservato per parecchi giorni in frigorifero, oppure potete tagliarlo a listarelle come descritto sopra e condirlo con un cucchiaio di olio, un pizzico di sale e una salsina che otterrete scaldando mezza tazzina di aceto in un pentolino e nel quale farete sciogliere un’acciuga o un po’ di pasta di acciughe. Condite e lasciate riposare a temperatura ambiente per almeno un’ora, in modo che l’aceto “cuocia” il cavolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *