Gli attrezzi di cucina

(Ringrazio la super illustratrice Susanna Amati per aver realizzato gli adorabili disegni di questa pagina!)

attrezzi-03attrezzi-01attrezzi-08

Innanzitutto, dubito che possiate mettervi a cucinare qualcosa se non avete un minimo di attrezzi indispensabili. Questo non vuol dire che dobbiate avere l’armamentario di uno chef a cinque stelle o di un decoratore di torte.

Tempo fa ho frequentato un master di scrittura pubblicitaria a Roma, unendo alla mia carriera scolastica alla passione per il cibo. I romani sono ciarlieri e con il fatto che mi considerassero quasi un’aliena perché provenivo dal profondo Nord, mi permettevano di fare loro domande, soprattutto sul come preparassero quelle pietanze che hanno contribuito enormemente alla diffusione del mito dell’italian food. Un ristoratore, in particolare, mi spiego una cosa: la cucina italiana è una cucina povera, popolare. Quindi poche padelle, pochi ingredienti. E, soprattutto, l’arte dell’arrangiarsi.

Se volete cucinare, vi serviranno queste poche cose, magari non tutte, e non tutte insieme. Ce le aveva in cucina anche mia nonna, e se si dice “nonna”, si dice “garanzia”.

attrezzi-02Una pentola alta

È la pentola per cuocere la pasta o il riso lessato, ma anche per le verdure.

Deve essere in alluminio, di almeno 20 cm di diametro e almeno altrettanti di altezza. Ma se dovete acquistarne una nuova, non lesinate sulle dimensioni. Più grande è, più pasta ci sta: considerate che gli spaghetti ci devono stare quasi in piedi. Senza spezzarli ovviamente (ma delle bestemmie in cucina ne parleremo più avanti). Non dimenticate il coperchio!

attrezzi-16Una padella

Cominciate con quelle antiaderenti, in Teflon. Ne esistono di diverse misure: da quella per l’uovo al tegamino, a quella per un esercito di cotolette. Averne due o tre, di misure diverse, vi semplificherebbero molto la vita. Ho provato anche quelle rivestite in ceramica. Sono ottime! La tradizione suggerirebbe di affidarsi a quelle in rame (eccezionali per i sughi e per certi tipi di risotti) o quelle in alluminio “come le facevano una volta”, ma quasi introvabili ora. Mia nonna (= garanzia) ne aveva una tutta storta e ammaccata, senza quasi più i manici laterali, ma come venivano bene lì le patate arrosto, me lo ricordo ancora!

attrezzi-06Una casseruola

Le casseruole sono utili per i sughi abbondanti, come i ragù, per le verdure e le zuppe… La casseruola giusta può essere di alluminio, antiaderente, in ceramica o, sopra ogni cosa, in terracotta.

La casseruola in terracotta mantiene caldi i cibi molto a lungo. È ottima per i risotti corposi. La misura più versatile è intorno ai 24 cm. Ricordatevi solo che, se scegliete una casseruola in terracotta, prima di utilizzarla dovete metterla a bagno, con il fondo verso l’alto ben immerso nell’acqua fredda, per una notte intera e lasciarla asciugare, sempre capovolta. Altrimenti, con il caldo del fornello… crack!

attrezzi-17Una griglia

Non parlo di un set completo da barbecue, ma di una semplice bistecchiera da usare sul fornello di casa. Se amate le ricette a base di verdure, fa veramente al caso vostro. Ottima anche per il pesce, la carne (non a casa nasce per le bistecche), ma anche per tostare il pane velocemente. Senza contare che le striature della griglia danno quel tocco genuino e mediterraneo che appaga subito gli occhi. Gnam!

attrezzi-14Una tortiera

Anche in questo caso propenderei per una antiaderente, magari con fondo apribile. Il diametro giusto varia dal tipo di ricetta, ma se optate per un 24 cm, andrà benissimo per quasi tutte le preparazioni. Se siete particolarmente amanti dei prodotti cotti al forno, vi consiglio delle tortiere in ceramica monoporzione. Sono belle da vedere, pratiche, perché possono essere portate direttamente in tavola, e vanno bene sia per salati e dessert freddi e caldi.

attrezzi-07Un pentolino

Un banalissimo pentolino serve sempre. Ci scaldi l’acqua o il latte, rassodi le uova, cuoci a bagnomaria, ci prepari il brodo o il fumetto di pesce. L’importante è che non sia troppo piccolo, ma nemmeno troppo grande. 16 cm di diametro è la misura giusta per tutto.

attrezzi-09Uno scolapasta

Un bello scolapasta ampio e capiente, di quelli con un manico lungo che possa stare agilmente sospeso da un estremo all’altro del lavandino, senza fargli toccare il fondo. Lo scolapasta è importantissimo: se la pasta viene scolata rapidamente, non si scuoce. Inoltre, se in metallo, va benissimo per cuocere a vapore o per scaldare i cibi. Il mio l’ho acquistato banalmente all’IKEA e ne vado molto fiera.

attrezzi-13Una ciotola

Anche due o tre, direi! Le ciotole servono per frullare, impastare, lavorare tutti quei cibi dalla consistenza poco solida. Ne esistono di ogni misura, dai 12 ai 40 cm. Non esagerate con la misura, convinti di dover cucinare per un reggimento: per sbattere quattro albumi a neve, va benissimo una ciotola da 20 cm, rimarranno più contenuti e monteranno prima. Stesso discorso vale se dovete preparare una frittata: non mi pare il caso di inseguire gli ingredienti da una parte all’altra della scodella. In medio stat virtus, come dicevano gli antichi romani. Le classiche sono quelle in ceramica, ma anche averne una in alluminio (sempre IKEA, lo ammetto) può rivelarsi utile, soprattutto per la cottura a bagnomaria.

attrezzi-05Un tagliere

Compratevelo. Compratevi un bel tagliere di legno di dimensioni bibliche. Ma che sia di legno, bello alto. E usatelo. Usatelo tantissimo per dargli subito una bell’aria vissuta (garantisco che usarlo anche come sottopentola aiuta!). Non c’è niente di più bello in cucina di tirare fuori il vecchio tagliere e iniziare ad affettare come forsennati!

Delizioso per servire il pane in tavola, o un antipasto di salumi e formaggi, magari con un vecchio tovagliolo.

Perplessi sull’igiene del legno? Lavatelo molto bene, dopo ogni uso, con acqua e aceto di mele (no sapone!) e se proprio volete esagerare… tanta Amuchina.

attrezzi-15I coltelli

I coltelli non saranno determinanti nella riuscita del piatto magari, ma lo saranno sul vostro umore: non c’è nulla di più irritante di un coltello che non taglia. Quindi che siano coltelli da cucina (non da tavola!) e che siano belli affilati. Non sceglieteli tutti a lama seghettata, ma nemmeno tutti a lama liscia. Variate. Lasciate perdere le mannaie e i coltellacci da macellaio per ora: non vi servono.

A mano a mano che li userete, capirete quali saranno giusti per voi. Io ho un coltellino di un vecchio servizio di posate che uso esclusivamente per sbucciare frutta e verdura. È impareggiabile.

Se proprio volete concedervi un lusso da chef, optate per un set di coltelli in ceramica.

attrezzi-10Utensili vari

Non sai quanto può essere indispensabile uno spremiaglio, fino a quando non hai una ricetta in cui il rischio sia quello di appestare i commensali. Non sai quanto può essere utile una frusta, fino a quando non impazzisci con i grumi di una salsa. Non sai quanto può essere comoda una spatola, fino a quando ti trovi a dover girare una crespella senza romperla. Non sai quanto possono essere fondamentali un paio di pinze lunghe, fino a quando non devi sgocciolare qualcosa dell’acqua bollente. Non sai quanto può essere utile una mezzaluna, fino a quando non devi preparare un sugo per 10 persone. Avere una buona gamma di utensili può rivelarsi una saggia scelta in molte occasioni. Cercate di capire cosa può esservi utile prima di passare all’acquisto (se siete allergici all’aglio, dubito vi possa servire uno spremiaglio e se non amate i dolci una sac-à-poche potrà solo riempirsi di polvere). Solo una cosa non può mancare: almeno un cucchiaio di legno.

attrezzi-18-18Piccoli elettrodomestici

In Italia si riassume tutto con la parola “frullino”. Quello che vi serve è un buon frullatore a immersione e uno sbattitore elettrico: con questi due alleati potrete già cimentarvi nel 99% delle ricette. Lo so… anche a me piacerebbe tanto avere una planetaria multifunzione, ma per ora vi garantisco che sono sopravvissuta anche con questi due piccoli aiutanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *