Month: Marzo 2014

Le Costolette d’Agnello

  Le costolette d’agnello non credo abbiano bisogno di molte presentazioni. Non vorrei offendere la sensibilità di nessuno ammettendo che l’agnello è una delle carni che preferisco. Qui vi offro la ricetta della mia versione al forno, che scelgo per praticità e perché i tempi di cottura più lunghi mi permettono di lasciarle nel loro intingolo e cucinare altro.. Per 2 persone 350 gr di costolette di agnello (3-4 costolette a testa) Olio Extravergine di Oliva Sale fino Pepe nero da macinare Uno spicchio d’aglio Un rametto di rosmarino fresco Un’acciuga o pasta d’acciughe Una tazzina di aceto bianco o di mele Preparazione Nemmeno vi dico di sgrassare le costolette di agnello. Anche se quelle che si trovano in commercio spesso sono già abbastanza “pulite”. Accendete il forno in modalità ventilata a 200°C. Ungete leggermente una pirofila di vetro con un filo d’olio e condite entrambi i lati di ogni costoletta, semplicemente passandoli sul fondo della pirofila. Salate appena e pepate poi, quando il forno è caldo, infornate pure. Dopo circa 10 minuti, le vostre …

La Ninfea

    Questa è proprio una ricetta scema, non vogliatemene, ma le cose sceme sono, spesso, dei veri colpi di genio. Avete presente quando, dopo una conversazione, vi viene in mente la giusta battuta da dire? Ecco. La Ninfea sarà il vostro colpo di genio quando vi inviteranno a una cena a buffet “dove ognuno fa qualcosa” e le torte salate sono già state tutte prenotate. Taac. In più, volete mettere il nome poetico?. Per una Ninfea (grande quanto un piatto di 30 cm di diametro) 300 gr di gorgonzola dolce e cremoso 2 ceppi di insalata belga / indivia Pepe nero da macinare Un mazzetto di rucola (per guarnire) Preparazione Cospargete il piatto da portata con la rucola. Con delicatezza, togliete una a una le foglie dal ceppo di insalata belga, facendo attenzione a non romperle e scartando quelle rovinate (di solito, molto poche…), e tenendo da parte il “cuore”, composto dalle foglioline più piccole. Sciacquatele una a una sotto l’acqua corrente e asciugatele delicatamente con un panno carta. Partendo dalle foglie più grandi, …

La Cheesecake “Terrona”

   Ogni tanto le mie lontanissime radici sicule vengono a galla. E soprattutto vengono a galla quando si tratta di inventare un dolce. Visto che dire “torta di ricotta” a quanto pare sembra particolarmente out, mentre la cheesecake sta letteralmente spopolando, perché non fare la cheesecake “terrona”? Accontenterà i palati più vintage, ma anche quelli più chic. Questa è l’idea di marketing che mi è balenata cinque minuti prima di creare e battezzare questo dolce, che impiega un’ora a cuocersi, ma solo qualche minuto per la preparazione. Per convincervi ulteriormente, non vi verrò a raccontare che questa ricetta è consigliata in un regime calorico moderato, ma se avete mai cucinato una vera cheesecake, e quindi ne conoscete gli ingredienti, sapete anche che il senso di colpa vi attaccherà ad ogni morso. Ecco, questa lo farà un po’ meno. E vi toglierà lo sfizio.. Per una tortiera da 24 cm 1 kg di ricotta di latte vaccino 4 uova intere 250 gr di zucchero La scorza grattuggiata di un limone La scorza grattuggiata di un’arancia 1 …